La classificazione dei rifiuti speciali

Come tutti ben sanno, i rifiuti sono quegli elementi di scarto derivanti da attività umane o lavorative, di cui il detentore vuole disfarsi o è obbligato a disfarsene. I rifiuti però non sono tutti uguali: esiste infatti una classificazione dei diversi materiali di scarto, che si basa sia sulla loro provenienza, sia sui livelli di pericolosità. La classificazione in base all’origine crea una prima netta divisione tra rifiuti urbani e rifiuti speciali: vediamo le caratteristiche di questi ultimi e come è possibile smaltirli in sicurezza.

Quali sono i rifiuti speciali

Capire quali sono i rifiuti speciali è molto semplice. Gli scarti prodotti quotidianamente all’interno delle proprie abitazioni, quelli raccolti per strada e nelle aree pubbliche e quelli vegetali provenienti dalle aree verdi sono rifiuti urbani e vengono gestiti dalla pubblica amministrazione attraverso i contibuti fiscali. I rifiuti speciali sono invece gli scarti derivanti da attività produttive industriali, attività commerciali e sanitarie, aziende pubbliche e private e richiedono interventi di smaltimento particolari, gestiti da un sistema di aziende private certificate e accreditate.

I rifiuti speciali si suddividono a loro volta in due sottocategorie: i rifiuti speciali pericolosi e i rifiuti speciali non pericolosi. Quelli pericolosi sono tutti quei rifiuti speciali costituiti o contaminati da sostanze inquinanti, ad esempio medicinali scaduti, pile esaurite, oli esausti e amianto, che possono dunque rappresentare una minaccia per la salute delle persone.

Come smaltire i rifiuti speciali

La gestione e lo smaltimento dei rifiuti speciali rientra in una rete di rapporti specifici che si instaurano direttamente tra i produttori di rifiuti speciali e i fornitori del servizio di smaltimento. Gli stabilimenti abilitati a smaltire i rifiuti speciali si occupano di tutto l’iter, dal ritiro al trasporto, passando anche per la gestione delle pratiche burocratiche. Il sistema di smaltimento dei rifiuti speciali si basa sul recupero e sul riciclo di questi scarti, con l’obiettivo di immetterli nuovamente nel ciclo produttivo delle industrie.

In provincia di Cuneo lo stabilimento Romet Srl, a Bra, è specializzato da oltre 40 anni nello smaltimento e nel recupero di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi: un vero punto di riferimento per le aziende della zona del cuneese.

Chiama ora!