Demolizioni impianti industriali: cosa serve sapere

Le demolizioni degli impianti industriali comportano l’unione di varie competenze altamente specializzate e l’impiego di attrezzature specifiche.

Come avvengono le demolizioni degli impianti industriali

Le demolizioni degli impianti industriali devono seguire opportune procedure di sicurezza in modo che lo smantellamento avvenga in maniera corretta. Solitamente queste operazioni si differenziano tra di loro in base alle sostanze che sono contenute all’interno degli impianti stessi. Per questo motivo le demolizioni degli impianti industriali possono essere più o meno lunghe ed articolate. Come si procede? Innanzitutto bisogna effettuare un sopralluogo tecnico mirato a reperire tutte le informazioni e le documentazioni necessarie su struttura, funzionamento della stessa e sostanze trattate. In base a quanto raccolto si stila un piano per le demolizioni degli impianti industriali, dove si stabilisce cosa e come smontare, recuperare e smaltire.

Come procedere allo smontaggio ed alla movimentazione dei macchinari

L’esigenza di smantellamento e di demolizione di un impianto si presenta quando esso ha raggiunto la fine del suo ciclo di vita in quanto è diventato anti-economico per l’azienda. In molti casi spesso subentra anche la fase di smontaggio e di movimentazione dei macchinari ancora in buono stato da una sede ad un’altra. Queste operazioni sono molto delicate e vanno fatte con estrema attenzione da parte di personale altamente specializzato, avendo cura di non danneggiare le strumentazioni. Per tale motivo in questo servizio è compreso non solo lo smontaggio e la movimentazione dei macchinari, ma anche l’avviamento degli impianti e delle macchine automatiche che sono stati spostati. Spesso ci si trova davanti anche alla possibilità di dover ricollegare una linea di produzione o di trasporto, operazione per la quale è necessaria grande esperienza in merito.

Cosa fare dopo la demolizione degli impianti

Una volta effettuata la demolizione degli impianti bisogna capire cosa fare di ciò che è stato smantellato. Nel caso in cui si tratti di rifiuti pericolosi è necessario procedere alla bonifica dell’intero sito e le operazioni potrebbero diventare lunghe. Questo perché il nostro Paese non possiede molti siti di stoccaggio adeguati e dunque potrebbe esserci la possibilità di dover portare all’estero le scorie derivanti dalla demolizione degli impianti. Se ci sono materiali ferrosi, invece, essi possono essere recuperati e valorizzati grazie all’impiego di macchinari di ultima generazione a patto che siano stati decontaminati opportunamente. Questa fase è molto importante sia dal punto di vista ambientale – evitare l’inquinamento del paesaggio – che da quello economico (la trasformazione in prodotti a basso costo).

Chiama ora!